News
Filtro
  • Disponibile IperSpace Max Personal Edition 7.1.0

    IperSpace Max Personal EditionRilasciata la versione Personal Edition di IperSpace Max 7. La versione totalmente gratuita per uso non professionale è disponibile per le piattaforme Windows e Mac Os X (per Linux è disponibile la versione precedente, ma a breve verrà riasciata quella aggiornata).

    Per lo scaricamento accedere alla sezione downloads.

    Changelog: per le novità di questa versione cliccare qui.

     

  • Monolith 2: novità

    logo monolith A giorni sarà rilasciata la nuova versione di Monolith, il software per il calcolo e la verifica delle opere di sostegno.

    La versione 2 includerà tante novità tra cui la possibilità di calcolare e verificare le opere secondo gli Eurocodici.

    Changelog: per le novità di questa versione cliccare qui.

  • Patch IperSpace Max 6.1.1

    logo ismax6E' disponibile nella sezione downloads l'ultima patch di aggiornamento per IperSpace Max 6.0.0 e successive.

    La patch è autoinstallante e cumulativa; dunque non è necessario installare patch precedenti o intermedie.

    {phocadownload view=category|id=29|text=Aggiornamento IperSpace Max 6.1.1|target=s}

  • IperSpace Max 6

    {BreezingForms : codice_cliente_sl_ismax6 , 1, 0}

    ================================
    IperSpaceMax 6.1.1
    ================================

    Luglio 2014

    1. Corretto problema di arresto improvviso del programma che poteva verificarsi in uscita dall'applicazione, nel caso fosse stato selezionato un oggetto di tipo calcolo.
    2. Implementata la separazione dei coefficienti di sicurezza relativamente alle sollecitazioni di taglio e flessione.
    3. Implementato il carico ortogonale ai solai, come prescritto dalla norma nel caso, ad esempio, del carico vento.
    4. Completata la visualizzazione delle sollecitazioni 3d e della deformata per i pali.
    5. Corretto errore nella deformata nel caso di combinazioni modali pure che, in presenza di elementi bidimensionali, visualizzava le deformazioni in controfase tra elementi shell e beam.

    ================================
    IperSpaceMax 6.1.0
    ================================

    Giugno 2014

    1. Introdotti i materiali ortotropi per i muri, con possibilità di visualizzare l'angolo di ortotropia.
    2. Introdotto nuovo motore di postProcessing grafico con visualizzazione colorimetrica dei diagrammi delle sollecitazioni, degli spostamenti (anche tridimensionali), dei coefficienti di sicurezza, ecc.
    3. Introdotta animazione degli spostamenti.
    4. Aggiunta la possibilità di eliminare la mesh da un muro o da una platea.
    5. Eliminata, dal Menu Vista, la voce Sezioni Explorer in quanto, le sezioni si possono importare direttamente dalla libreria (delle sezioni).
    6. Nella relazione geotecnica, aggiunta la possibilità di importare la stratigrafia utilizzata in IperSpace e non sempre la prima.
    7. Migliorato il comando di creazione dei muri poligonali, e platee, nel caso di inserimento multiplo consentendo la chiusura del poligono con il tasto "c", anziché con il tasto di "Invio".
    8. Possibilità di eseguire direttamente l'applicativo SteelNode (verifica dei nodi in acciaio) senza una struttura o un calcolo presente, utile quando si vuol valutare, modificare e correggere un nodo calcolato in precedenza o messo a disposizione da un altro utente.
    9. Corretto errore di approssimazione nel nodo Tubo su Plinto.
    10. Corretto nella Geotecnica della platea l'errore che dava Hd=0 nella verifica globale.
    11. Corretta la verifica a taglio nelle TA.
    12. Corretto lo scarico sulle travi REP per i solai inclinati.
    13. Corretta la verifica delle travi in acciaio in assenza di sforzo normale (N=0).
    14. Corretto problema delle verifiche delle aste in acciaio, di sezione a "T", che poteva causare un arresto improvviso del programma.
    15. Implementata la relazione geotecnica anche nel caso di pali in acciaio o legno.
    16. Introdotto lo spettro nel caso di struttura in legno.
    17. Corretta imperfezione nel modello matematico per gli impalcati rigidi.

    ================================
    IperSpaceMax 6.0.1
    ================================

    Marzo 2014

    1. Relazione geotecnica riallineata in riferimento alla verifica dei pali.
    2. Corretto problema relativo alla numerazione delle pareti di taglio.
    3. Corretti e aggiornati tutti i file di prototipo.
    4. Modificata la definizione di sezione ad "L" per il cemento armato.
    5. Corretto errore sulla lunghezza effettiva dei ferri.
    6. Introdotta la possibilità di stampare i coefficienti di sicurezza agli SLD e agli SLE.
    7. Introdotta, nelle sezioni strutturali, la possibilità di non visualizzare gli oggetti nascosti (utile per le piante delle murature).
    8. Introdotta la possibilità di stampare i coefficienti di sicurezza delle murature.

    ================================
    IperSpaceMax 6.0.0
    ================================

    Febbraio 2014

    1. Introdotta la possibilità di eseguire un unico calcolo, sia agli SLV che agli SLE, ottenendo una stampa più semplificata.
    2. Implementata la possibilità di considerare pali in legno e in acciaio.
    3. Introdotta la verifica dei telai in acciaio con la gerarchia delle resistenze.
    4. Verifica dei nodi delle capriate in acciaio in completamento (sarà presente con patch successiva al rilascio).
    5. Implementata l'accessibilità ed integrazione dell'archivio dei profili, in acciaio, dalla libreria delle sezioni.
    6. Esteso l'applicativo SPC, per il calcolo dei parametri delle sezioni, anche ai profili accoppiati ed ora è completamente integrato nella libreria delle sezioni.
    7. Introdotta la possibilità di calcolare come rigidi anche gli impalcati non orizzontali.
    8. Nella stampa delle verifiche cls introdotto il coefficiente di sicurezza globale e/o sismico che può servire a valutare i parametri di criticità.
    9. Nella fase di verifica introdotta la stampa dei coefficienti amplificatori degli elementi posti nel gruppo "Fondazione" con possibilità di includere anche quelli relativi ad altri gruppi.
    10. Per gli elementi esistenti aggiunte le stampe dei seguenti parametri:

    a) per gli elementi in ca:
    Rm (resistenza media del calcestruzzo)
    fym (resistenza media dell'acciaio)
    Fc (fattore di confidenza)
    qd (fattore di struttura per gli elementi duttili)
    qf (fattore di struttura per gli elementi fragili)

    b) per gli elementi in muratura:
    fkd = fk/gammaM/Fc (resistenza a compressione verticale di progetto)
    fhd = fhk/gammaM/Fc (resistenza a compressione orizzontale di progetto)
    dove gammaM è il coefficiente di sicurezza e Fc il fattore di confidenza

    c) per gli elementi in acciaio:
    gammaM
    Fc

    11. Nei criteri di verifica sono stati previsti alcuni parametri di disposizione:

    a) L_addensamento staffe h*1, 2
    b) diametro staffe
    c) staffe a 4 bracci

    Ciò consente di poter variare e differenziare i parametri tra le varie campate.

    12. Eliminate le aste non strutturali e le traslazioni in X e Y locali per i muri.
    13. Migliorata la gestione delle traslazioni per le aste. La X locale può solo essere positiva sul nodo iniziale e negativa sul nodo finale; significa che le aste possono solo accorciarsi.
    14. Introdotti gli scarichi per il calcolo delle travi REP o similari.
    15. Possibilità di usare staffe a 4 bracci sul lato lungo e spinotti sul lato corto.
    16. Riscritta e migliorata la verifica dei muri in ca con incremento della velocità di esecuzione.
    17. Introdotto nuovo plugin per generare una tabella con i minimi coefficienti di sicurezza per un'intera struttura.
    18. Introdotto l'ordinamento nella stampa delle verifiche delle travate e delle pilastrate.
    19. Introdotti nuovi parametri di disposizione per gestire i ferri di attesa dei pilastri nel caso di presenza di elementi di fondazione di basso spessore.
    20. Introdotta l'ora e la data del calcolo corrente.
    21. Introdotta la possibilità di visualizzare le informazioni solo sugli elementi selezionati.
    22. Aggiunta la possibilità di visualizzare i vincoli dei nodi.
    23. Aggiunta la possibilità di generare capannoni con capriate comunque inclinate nel piano XY globale.

    Modulo inSide 5.0.0
    -------------------

    1. Prevista la precompressione nei setti direttamente nel criterio di verifica.
    2. Possibilità di verificare i setti solo in mezzeria.

    (c) 1988-2014 Soft.Lab srl - Tutti i diritti riservati

  • IperSpace Max 4

    {BreezingForms : codice_cliente_sl_ismax4 , 1, 0}

    ================================
    IperSpaceMax 4.0.3
    ================================

    Luglio 2012

    1. Migliorata l'analisi geotecnica delle fondazioni superficiali.
    2. Migliorato l'arrotondamento dell'area dei ferri nel disegno delle travi.
    3. Introdotte le didascalie nella visualizzazione dei diagrammi.
    4. Possibilità di non assegnare il criterio di verifica ad un elemento strutturale.
    5. Ripristinato negli shell l'elemento MacNeal che risulta essere molto più efficiente.
    6. Modificata la traslazione dei momenti nei pilastri.
    7. Introdotto il controllo del rapporto dei pivot per i nodi vincolati.
    8. Introdotta la possibilità di verificare pareti con muri aventi spessori diversi da piano a piano.
    9. Migliorato il comando Misura distanza.
    10. Corrette, nel modulo di verifica dei nodi in acciaio, le sollecitazioni sui nodi Colonna-plinto in presenza di travi diverse da quelle di fondazione.
    11. Aggiunto, nelle proprietà previste per le etichette delle informazioni, anche il tipo di solaio.
    12. Introdotta la possibilità di inserire lo sbalzo non strutturale anche per le travi di tipo Winkler.

    Modulo inSide 3.0.3
    -------------------

    1 Introdotta la verifica non lineare, tipo POR, per l'ottenimento della curva di capacità.
    2 Introdotta la stampa della relazione relativa alle verifiche secondo le NT 2008.

    ================================
    IperSpaceMax 4.0.2
    ================================

    Giugno 2012

    1. Aggiunta la possibilità di scegliere l'indice iniziale nella numerazione sequenziale delle aste.
    2. Condensate le verifiche dei nodi in acciaio, per il nodo colonna su plinto.
    3. Eliminato problema nella ricreazione dei copriferri e delle Rck in funzione della classe di esposizione alla riapertura della struttura.
    4. Adeguato il fattore di struttura in funzione dei vari parametri dello spettro.
    5. Corretto il comando "Copia spostando" che poteva causare un blocco quando nella selezione era inclusa l'origine del riferimento globale.
    6. Salvataggio delle impostazioni relative alle etichette del layer "Informazioni" (colori, altezza caratteri, ecc.).
    7. Possibilità di importare gli scenari da libreria anche quando le condizioni di carico sono diverse da quelle esistenti.
    8. Corretto problema nell'analisi P-∆ che poteva causare la perdita del calcolo corrente.
    9. Corretto il funzionamento del comando "Ricombina" (calcolo) che non prendeva in considerazione tutte le combinazioni.
    10. Corretta la ricerca con Google Maps che causava, nella stampa dei dati, la mancanza dell'indirizzo della località, oltre alle coordinate.
    11. Ottimizzata la selezione degli spettri in libreria.
    12. Aggiunte nelle Opzioni globali varie proprietà come: scale dei carichi, etichette, vista grafica, ecc.
    13. Varie ottimizzazioni sulla modellazione di strutture complesse.

    Modulo inSide 3.0.2
    -------------------

    1. Migliorato l'inserimento dei muri con facilitazione degli agganci.
    2. Possibilità di modificare per un setto qualunque il materiale e il criterio di verifica.
    3. Implementato nel muro verticale un nodo superiore aggiuntivo che può essere utilizzato per creare, ad esempio, un muro di colmo senza inserirne due contigui.
    4. Aggiunta apertura monofora (rettangolare con arco).
    5. Possibilità di tagliare alla base qualsiasi telaio (utile nel caso di aperture costituite da porte).
    6. Implementata la possibilità di centrare la fondazione rispetto al muro.
    7. Implementata la possibilità di modificare interattivamente gli estremi del muro evitando il reinserimento.
    8. Corretto problema di sovrapposizione tra le etichette del nome e indice del setto.

    ================================
    IperSpaceMax 4.0.0
    ================================

    Febbraio 2012

    1. Visualizzazione a video dei vincoli, materiale, sezione, e indice per gli elementi strutturali.
    2. Visualizzazione a video degli indici dei pannelli dei muri.
    3. Creazione dei piani di lavoro per ogni piano con possibilità di eseguire il box automaticamente alle varie quote.
    4. Visualizzazione della struttura in modalità solida ombreggiata, o in trasparenza, in modo da visualizzare meglio i vari oggetti.
    6. Visualizzazione della struttura a mezzo di linee solide.
    7. Possibilità di armare le travi e i pilastri in maniera diretta e personalizzata senza un calcolo preventivo ottenendo aste armate.
    8. Possibilità di importare elementi di librerie da qualunque altro file strutturale oltre che dai file di prototipo.
    9. Introduzione del "Crash recovery" per il recupero della struttura corrente a seguito di una chiusura imprevista del programma.
    10. Reintrodotto il supporto per le multilicenze su rete, attraverso il sistema proprietario "NetLock Server 3".
    12. Possibilità di verificare le aste armate di strutture esistenti.
    13. Verifiche dei Nodi CLS secondo le formule 7.4.8 e 7.4.10 per gli elementi esistenti.
    14. Possibilità di amplificare mediante coefficienti definiti dall'utente le sollecitazioni di più gruppi della struttura associando per ogni gruppo il relativo coefficiente.
    15. Possibilità di verificare sezioni composte (acciaio-calcestruzzo, legno-calcestruzzo, calcestruzzo-FRP o con più di due materiali definiti dall'utente).
    16. Introdotti diversi stili per l'interfaccia grafica.
    17. Aggiunta, nel menu "Strumenti", la possibilità di gestire delle opzioni globali come colore di sfondo, grandezza del nodo, ecc.
    18. Correzioni varie.

    Modulo PushOver 3.0.0
    ---------------------

    1. Possibilità di passare alla PushOver le aste armate per la verifica non lineare.
    2. Possibilità di eseguire un'analisi PushOver a 360° ottenendo una sorta di dominio di resistenza della struttura.
    3. Possibilità di conoscere dopo un'analisi PushOver gli elementi vicini alla crisi, per ogni stato limite, in modo da poter eseguire gli opportuni rinforzi.

    (c) 1988-2012 Soft.Lab srl - Tutti i diritti riservati

Acquista

  • Monolith
    Monolith
    Calcolo e verifica di opere di sostegno
    599.00 €
  • IperSpace Max Full Time 180
    IperSpace Max Full Time 180
    Noleggio della suite completa per il calcolo strutturale, verifica e disegno di elementi in c.a., acciaio e legno. Durata della licenza: 180 gg. dalla data di attivazione.
    399.00 €
  • IperSpace Max Full Time 365
    IperSpace Max Full Time 365
    Noleggio della suite completa per il calcolo strutturale, verifica e disegno di elementi in c.a., acciaio e legno. Durata della licenza: 365 gg. dalla data di attivazione.
    572.95 €

Seguici su

Seguici su Facebook Seguici su Twitter
Seguici su LinkedIn Seguici su YouTube
Seguici attraverso i Feed RSS  

CookiesAccept

Comunicazione ai sensi dir. 2009/136/CE: questo sito utilizza cookies tecnici anche di terze parti.

L'uso del sito costituisce accettazione implicità dell'uso dei cookies. Per revocare il consenso è sufficiente cancellare i cookies di dominio dal browser. Per saperne di piu'

Approvo

COSA SONO?

I cookies sono stringhe di testo di piccole dimensioni conservate nel tuo computer quando si visitano determinate pagine su internet. Se non vuoi accettare i cookies, potrai comunque navigare sul sito e usarlo per finalità di ricerca. Nella maggior parte dei browser, i cookies sono abilitati.

 

A COSA SERVONO?

I cookies non sono dannosi per il tuo device. Nei cookies che generiamo, non conserviamo informazioni identificative personali ma usiamo informazioni criptate raccolte dagli stessi per migliorare la tua permanenza sul sito. Per esempio, sono utili per identificare e risolvere errori oppure per determinare prodotti correlati rilevanti, da mostrare al visitatore durante la navigazione.

Vi forniamo queste informazioni in quanto parte integrante della nostra iniziativa finalizzata al rispetto della legislazione recente, e per assicurare la nostra onestà e trasparenza in merito alla tua privacy quando ti servi del nostro sito internet.

 

QUALI USA SOFT.LAB?

Cookies tecnici (strettamente necessari)

Questi cookie sono essenziali per consentirti di navigare nel sito e utilizzare tutte le funzionalità. Senza questi cookie, che sono assolutamente necessari, non saremmo in grado di fornirti alcuni servizi o funzioni e la navigazione sul sito non sarebbe agevole e facile come dovrebbe essere.

Cookies analitici

Raccolgono informazioni su come un visitatore usa il sito, quali ad esempio le pagine visitate. Questi cookies non raccolgono informazioni che possono identificare l’utente. Tutte le informazioni raccolte da questi cookies sono aggregate in forma anonima e sono utilizzate solo per migliorare la funzionalità del sito.

Cookies funzionali

Permettono di "ricordare" le scelte che hai effettuato e personalizzare i contenuti del sito al fine di migliorare il servizio a te reso.

Ricordati che se disattivi i cookies, potresti disabilitare alcune funzionalità del sito.